Glucozin - Zinco Gluconato

€16.00

16 Punti Fedeltà

  • 12 disponibilità in magazzino
  • Prodotto da: Cento Fiori

Introduzione Veloce

Glucozin -Zinco Gluconato

Minerale presente nei muscoli e nel fegato è parte integrante delle ossa e dei denti. Svolge diverse fu..

Valutazione Prodotto

Fai Una Domanda Su Questo Prodotto


Glucozin -Zinco Gluconato

Minerale presente nei muscoli e nel fegato è parte integrante delle ossa e dei denti. Svolge diverse funzioni biologiche che rendono possibile l’azione di moltissimi enzimi. Insieme al rame potenzia l’azione dell’enzima super ossidido dismutasi che trasforma i radicali liberi in perossido di idrogeno (acqua ossigenata). Interviene nella formazione delle proteine, in alcune funzioni ormonali e del sistema nervoso, nei processi di accrescimento e di riparazione dei danni ai tessuti e nella difesa immunitaria. La sua presenza si rende indispensabile per l’ottimale metabolismo del fosforo, per la digestione dei carboidrati, per la sintesi dell'acido nucleico e per l'assorbimento delle vitamine. Dipende dallo zinco anche la formazione dello sperma maschile e dell'ovulo femminile. Favorisce la formazione dell'insulina. La carenza di zinco porta a disturbi anche seri a livello metabolico. Possono provocare una carenza di zinco i farmaci anti- MAO, i corticosteroidi, i diuretici ed altri. L’eccesso di alcol può determinare una carenza di zinco in quanto questo minerale fa parte dell'enzima indispensabile per scomporlo. L’inalazione o ingestione di cadmio, come avviene per i fumatori, non permette un’ottimale utilizzazione di zinco. Alcuni alimenti e minerali presenti nella dieta come i cereali crudi, le fibre, la caseina del latte, il ferro, il calcio e il rame, riducono la quantità di zinco assorbita a livello intestinale. Un eccesso di zinco può impedire l'assorbimento del ferro e del rame. Il fabbisogno giornaliero nell’adulto è di circa 55 mg.
Confezione da: 100 op. - 290 mg/op.
Ingredienti:
Zinco gluconato 60 mg, equiseto ( equisetum arvense - fusti sterili ) polvere 230 mg
Zinco:lo zinco è uno dei più abbondanti minerali presenti nel sottosuolo, in particolare nei terreni vulcanici, che nel corso dell'evoluzione è stato incorporato come componente attivo in più di 200 enzimi, che sono molecole necessarie per tutte le funzioni cellulari. Non accidentalmente, la ghiandola pineale contiene elevate percentuali di Zinco. L'assorbimento intestinale dello Zinco e la sua utilizzazione declinano costantemente nel corso dell'invecchiamento. L'assunzione di Zinco può essa stessa correggere questa deficienza ed aumentare potentemente, l'immunità. Comunque noi suggeriamo la combinazione di melatonina e zinco così da migliorare grandemente ed accelerare l'incorporazione dello zinco e la normalizzazione nel sangue dei suoi livelli su parametri giovanili. Lo zinco orotato garantisce un miglior assorbimento
ALIMENTI
LIEVITO di BIRRA, OSTRICA, aringa, funghi, crusca di grano, avena completa, GERME di GRANO, fegato di maiale, fegato di vitella, agnello, piselli, manzo, noci. Semi di girasole, frutti di mare, SOIA, spinaci,,CRUSCA, GERME di GRANO, LIEVITO, PESCE, prodotti integrali SOIA, ostriche, fegato, acciuga, grana, parmigiano, coniglio, sardina, ceci, fagioli, lenticchie, gorgonzola, noci, mandorle, crescenza, molluschi, pesce, frutta e verdura, uova, latte, latticini, burro, frumento, legumi, cereali integrali,
Zinco negli alimenti per 100 gr
Cavallo 6 mg, fegato di montone 3.90,vitello 3.50. OSTRICHE da 20 a 100 mg Lenticchie da 2 a 9 mgr, grano 5.50 gr, frarina di grano integrale 5.50 mg, avena 3,00 mgr, pane di grano integrale 3,00, farina di grano integrale 3,20 mgr, GERME DI GRANO 2,00, miglio 1,70 mg, e moltissimi altri prodotti, ostriche, tuorlo d’uovo,
Lista tutti gli alimenti che contengono Zinco
Cavallo, fegato di montone, vitello, prosciutto, maiale, manzo, ostriche, anguilla, lumaca, cozze, granchio, gamberetto, nasello, latte in polvere, uovo il tuorlo, latte di donna, latte di vacca, grano, farina di grano integrale, avena, pane di grano interale, farina di grano integrale, farina di mais, orzo, germe di mais, pane bianco, mais, germe di grano, miglio, riso integrale, farina di grano integrale, segale, farina di segale, grano saraceno, farina di segale integrale, riso brillato, fagiolo, piselli secchi, soia, lenticchie, fave, cavolo, cipolla cotta, aglio, spinacio, lattuga, fungo di allevamento, asparago, carota, patata, melanzana, topinambur, pomodoro, porro, sedano rapa, zucca, cicoria, cetriolo, ravanello, crescione, fagiolo verde, rapa, cipolla, pastinaca, vino, birra, ananas, fico, banana, nespola, arancia, limone, pera, ciliegia, mirtillo, mela, uva, melone, uva spina, fragola, mandarino, susina, pesca, noce secca, mandorla secca, nocciola secca, fico secco, banana secca, castagna, dattero, albicocca secca.
SINERGICA con vitamina A, K, con Magnesio, Manganese, vit. E, B1, B2, Cromo, vit. B6, vit. C, Potassio, vit. B3, B5
ANTAGONISTI, Piombo, vit. B1, Sodio, B10, Potassio, Ni, vit. E, Hg, Calcio, vit. D, Ferro, Rame, vit. B12, Cd.
Dosaggio giornaliero, da 10 a 25 mg, 15 mg, dosi terapeutiche 20-100 mg tossicita’ sconosciuta, solfato di zinco, acetato di zinco, gluconato di zinco, citrato di zinco, chelato di zinco, dipicolinato di zinco, aspartato di zinco, orotato di zinco
Partecipa al rinnovamento delle cellule, favorisce l’attività del PANCREAS, promuove la divisione cellulare favorendo il rinnovamento del tessuto cutaneo, e’ indispensabile alla sintesi della cheratina, a partire dalla cistina, stimola la attivita’ degli osteoblasti, cellule che elaborano la sostanza fondamentale del tessuto osseo, il collagene
Entra nella costituzione di circa 20 enzimi, e ne influenza almeno altri 80. Ha ruoli nella sintesi proteica ed in quella degli acidi nucleici, in assenza di zinco non si forma ne’ il DNA ne’ l’RNA, rientra nei meccanismi di trasporto ed utilizzo dei carboidrati, ha una azione antiossidante, protegge dai radicali liberi, e’ un nutriente prezioso per la pelle e per il cuoio capelluto. Necessario per il mantenimento del senso del gusto e dell’olfatto. Favorisce la cicatrizzazione delle ferite e attiva il sistema immunitario. E' un minerale traccia essenziale, un oligoelemento importante dopo il ferro. E' presente in tutti i tessuti
Le cellule epatiche contengono il tasso più elevato di zinco per ordine di importanza viene il pancreas, le ghiandole sessuali, le ghiandole endocrine
FUNZIONI ORGANICHE FACILITATE
Regola il sistema immunitario, regola l’anidrasi carbonica, la digestione dei carboidrati, la funzionalita’ prostatica, lo sviluppo degli organi genitali,, spermatogenesi, metabolismo del fosforo. Sintesi proteica. Aumenta la potenza sessuale , regolando il testosterone nella prostata, aiuta la vista negli anziani. Aiuta nell'artrite reumatoide, nell'alcolismo, nella schizofrenia, nella arteriosclerosi, nella cirrosi, nella prostatite, nella cecità notturna, nell'acne, nelle bruciature, nelle dermatiti, nell'eczema, nelle ferite, abbassa il colesterolo, indicato nella arteriosclerosi, nell'aterosclerosi, nel diabete, nella leucemia, nel morbo di Hodgkin, nella attività sessuale ritardata, nella immaturutà degli organi sessuali, nella impotenza, nelle mestruazioni, nella sterilità, in gravidanza, nella mancanza di peli nel corpo, contro gli odori corporei, nel raffreddore, aiuta un sistema immunitario debole, aiuta nei ritardi della crescita, nelle ulcerazioni.
Nel PANCREAS lo zinco stimola le isole di Langerhans per la elaborazione dell’INSULINA, e quindi uno squilibrio provoca uno squilibrio nel METABOLISMO dei GLUCIDI con conseguente DIABETE, inoltre la carenza di zinco provoca ADENOMA PROSTATICO e cancro alla prostata, lo zinco è essenziale per l’IPOFISI
Per una buona terapia PREVENTIVA ANTICANCRO è necessario un buon apporto di RAME, ZINCO, MAGNESIO (assolutamente non eccedere nelle assunzioni, perché gli effetti sarebbero dannosi) Terreni con tassi elevati di zinco inducono cancro epigastrico di tre volte superiore rispetto alla normale incidenza.( SENTIRE SEMPRE IL MEDICO CURANTE)
Come il Selenio, lo Zinco è un ANTI-RADICALI-LIBERI, è indispensabile al funzionamento della SUPER-OSSIDO.-DISMUTASI, enzima che protegge le nostre cellule dagli IONI SUPEROSSIDI, ha anche una funzione sul metabolismo epatico della Vitamina A, è un ottimo antidegenerativo ed anti-infiammatorio,è un catalizzatore delle funzioni IPOFISARIE, non viene mai prescritto da solo, partecipa alla elaborazione e all’immagazzinamento e all’utilizzo dell’INSULINA, la sua prescrizione è essenziale in presenza di DIABETE., la GUSTINA è un ormone legato allo zinco, infatti una sua carenza inducela perdita del senso del gusto. Mediante la TIMOLINA esplica una azione sulle difese immunitarie, stimola gli ORMONI della CRESCITA, una sua carenza provoca SPERMATOGENESI, e crollo del TESTOSTERONE e degli ESTROGENI. Partecipa alle secrezioni delle ghiandole sebacee.
SINTOMI da CARENZA
Una carenza di Zinco nel suolo specie in Europa, in America e in Russia sia nei pomodori che negli agrumi, ha ripercussioni sia nell’animale che nell’uomo, responsabile della caduta dei peli, alopecia, e ha gravi ripercussioni nella buona crescita del feto a livello fisico e mentale
Insufficiente maturita’ sessuale, riduzione delle difese, astenia, perdita del gusto, disappetenza, crescita ritardata, sterilita’, ritardo di cicatrizzazione, dermatite, cattivo utilizzo insulinico, stress CARENZA MODERATA, perdita del gusto e dell’olfatto, disturbi della crescita nei bambini, caduta dei capelli, eruzioni cutanee, e deformazioni delle unghie, sterilita’, difficolta’ di cicatrizzazione, facilita’ a contrarre le infezioni
CARENZA GRAVE di ZINCO
nanismo, ipofunzionalita’ del sistema riproduttivo. Prostata, essenziale per la vista, aiuta la cicatrizzazione delle ferite, indicato nella cura dell'acne, dell'alopecia, nella cura del diabete, nell'ulcera, nelle artriti, nella impotenza, nei raffreddori. Negli anziani si riscontra comunque una careza, e provoca la diminuzione dell'olfatto e del gusto, la perdita della vista, morbo di Alzheimer, fragilità dei capelli e delle unghie, stanchezza, diminuita capacità mentale, perdita dell'appetito, ritardo nella guarigione delle ferite e delle ustioni, acne, smagliature, suscettibilità alle infezioni, ritardo nella crescita, sterilità, ne occorre di più agli anziani, alle gestanti, alle nutrici, alle donne che fa uso di contraccettivi orali, ai bambini e agli adolescenti.
Sintomi da carenza di Zinco, provocano DIARREA, ATROFIA e INFIAMMAZIONE dei VILLI INTESTINALI lesioni cutanee intorno agli occhi, alla zona genitale, alla bocca, al naso, alle estremità, distrofia delle unghie, arresto della loro crescita, le ferite sanguinano facilmente e possono infettarsi, problemi cardiovascolari, IPOTENSIONE, ALOPECIA diffusa, capelli radi e fragili, diminuzione dei follicoli piliferi, problemi di cicatrizzazione delle piaghe, anoressia, disturbo del gusto e dell’olfatto, disturbi della visione notturna, disturbi nella visione dei colori, congiuntivite, fotofobia, edema della cornea, degenerazione retinica, ritardo nella crescita, perdita di peso, danni a carico dell’apparato osteoarticolare, ritardi nella maturità sessuale, impotenza, sterilità, diminuzione della libido, immunodepressione, rischio di infezioni, cancro, leucemia, nel bambino piccolo atrofia del Timo, della milza, degli organi linfoidi, accumulo di linfocidi immaturi a livella della milza, disturbi neuropsichici, disturbi del comportamento, del sonno, depressione, letargia, irritabilità, convulsioni, riduzione delle facoltà intellettuali, perdita di memoria.
Nelle convulsioni infantili, si è riscontrato una carenza di zinco nella planceta, altri sintomi da carenza, aborti spontanei, prolungamento anormale della gravidanza, richio di emorragie durante il parto, peso scarso del nascituro, malformazioni nel nascituro, ritardo nella crescita del nascituro specie in madri fumatrici, in quanto il tabagismo causa un abbassamento dello zinco leucocitario ed aumenta il tasso del CADMIO che agisce come antagonista dello zinco, anche l’abuso di alcol e di farmaci provoca tare genetiche nel nascituro durante la gravidanza.
In adolescenza , una carenza di zinco può provocare ritardi nella crescita e ritardata maturazione sessuale, in vecchiaia la carenza di zinco comporta diminuzione del gusto e della vista, abbassamento dell’immunità, ritardi nella cicatrizzazione, malattie cardiovascolari, neurologiche, cancro.
Carenza di Zinco si riscontra nel MORBO di CROHN,, in chi ha subito resezione gastrica, negli alcolista si riscontra dimunuzione dello Zinco serico, lo stesso si riscontra nelle PANCREATITI. Nelle persone con danni renali e non emodializzate, lo Zinco risulta abbassato, si ha IPOGONADISMO in presenza di carenza di zinco, lo stesso si riscontra in presenza di infarto del miocardio e dopo operazioni chirurgiche, nei traumi importanti, nelle ustioni, nelle fratture multiple, si associa anche ad un abbassamento dell’albumina, l’apporto di zinco normalizza l’attività del fegato, reni, milza. Nella POLIARTRITE REUMATOIDE lo zinco risulta basso, dovuto al processo infiammatorio, tutti i problemi legati all’immunità sono legati ad una carenza di zinco
Le CAUSE più comuni che inducono la carenza di zinco sono FEBBRE CRONICA, ALCOLISMO, INTERVENTI CHIRURGICI, USTIONI, CIRROSI, DIALISI, CATTIVO ASSORBIMENTO INTESTINALE, INSUFFICIENZA RENALE, DIURETICI
APPLICAZIONI TERAPEUTICHE
alcolismo, arteriosclerosi, cirrosi, diabete, cicatrizzazione, ipercolesterolemia, sterilita’, stress, dermatiti, malattie cronico degenerative, impotenza, ipertrofia prostatica, lo zinco è essenziale perché è presente in moti nostri enzimi, interviene nella sintesi degli acidi nucleici, partecipa al metabolismo dei carboidrati, del fosforo, di varie vitamine, indispensabile al funzionamento del sistema immunitario, è necessario all'apparato riproduttivo, agli ormoni sessuali maschili, alla prostata, indicato nella fatica, nell’accrescimento, nella astenia, della disfunzione dell’ipofisi, della tiroide, negli squilibri della cellula epatica e pancreatica, nei disturbi del sistema nervoso, nell’insufficienza del flusso mestruale, e nell’impotenza. Alcuni studi tendono ad atribuire allo zinco un ruolo catalitico di protezione die VASI SANGUIGNI e quindi aiuta a prevenire le MALATTIE VASCOLARI (sembra che i soggetti colpiti da ATEROSCLEROSI presentavano tuti una carenza di ZINCO) Sembra che lo zinco aiuti anche a velocizare la guarigione delle ferite e la cicatrizzazione
E’ essenziale l’utilizzo dello Zinco nelle disfunzioni ipofisarie, nei problemi di pelle, nella cicatrizzazione, nell’acne, nella iperseborrea, nell’eritema, nell’eczema, nelle ulcere, nelle unghie e capelli fragili, nell’alopecia
N.B. lo zinco puo’ essere male assorbito in presenza di cereali per i loro fitati di calcio alimenti e le acque potabili ricche di rame possono inibire l’assorbimento dello zinco Lo zinco, UN SUO ECCESSO, riduce l'assorbimento di rame, di ferro e di calcio

Lingue

English  Italiano