TORMENTILLA

 

 

Famiglia: Rosaceae

Componenti:

15-22 % di tannini catechici ed ellagici, triterpeni, flavonoidi, acido chinovico.

La Tormentilla ha un fiore giallo a quattro petali che sembra librarsi al di sopra delle foglie composte sul suo esile stelo sembrando quasi una rosa.

La tormentilla cresce nei boschi e nei pascoli umidi della zona alpina. Ŕ una pianta perenne che si raccoglie tra giugno e agosto, tempo della fioritura, si spezzetta e si lascia asciugare all'ombra. La radice invece si coglie in autunno.

Ha proprietÓ astringenti, cicatrizzanti, emostatiche.

Per curare dissenteria, diarrea e incontinenza urinaria, si usa il decotto:
20 grammi in un litro di acqua bollente, bollire per 10 minuti e lasciar riposare. Dopo aver filtrato, se ne assumono 5 tazzine al giorno.

Per fare il vino tonico, si mettono a macerare 70 grammi di radice in un litro di vino Porto per una settimana e se ne bevono da uno a tre bicchieri al giorno.

In caso di stomatiti, ulcerazioni e afte si pu˛ usare esternamente il decotto o l'infuso (40 grammi di pianta essiccata in un litro di acqua, 15 minuti) per fare sciacqui alla bocca.
Si pu˛ usare anche per irrigazioni vaginali in caso di perdite bianche e infiammazioni, e per fare impacchi in caso di scottature