ANICE STELLATO

badiana
Illicium verum Hooker
Famiglia: Magnoliacee
Provenienza: Filippine, Giava, Cina, coltivato

L'anice stellato Ú un sempreverde di grosse dimensioni, raggiunge i 4-5 metri, in Estate produce piccoli fiori gialli. Appartiene alla stessa famiglia della Magnolia.

Olio essenziale
L'olio essenziale viene estratto dai piccoli semi per distillazione in corrente di vapore. La resa in olio essenziale Ú ottima e raggiunge circa il 5-9%.

Car. Organolettiche:liquido limpido incolore o giallastro
SolubilitÓ: legg.sol.in acqua,sol.in 3 v.d'alcool, sol.in CHCl3, etere
Principi attivi.:anetolo, metilcavicolo, pinene, limonene

Viene utilizzato in vari tipi di estratto, tuttavia la forma pi¨ comune Ú l'olio essenziale. L'utilizzo popolare suggerisce l'anice stellato come digestivo, carminativo, antispasmodico, galattogogo.

Pur appartenendo a una famiglia botanica diversa, l'anice stellato contiene lo stesso principio attivo dell'anice verde o comune: un'essenza ricca di anetolo. Le proprietÓ di queste due piante quindi sono simili: eupeptiche (facilitano la digestione) e carminative (eliminano i gas e le flatulenze intestinali).

L'anice stellato Ŕ molto utile in caso di digestione difficile, di fermentazione intestinale e di flatulenza (eccesso di gas).

La sua azione, leggermente antispastica, Ŕ quindi indicata per alleviare gli spasmi degli organi cavi (stomaco, cistifellea, intestino, utero ...).

L'essenza di anice stellato, presa in dosi elevate, ha effetti tossici sul sistema nervoso (delirio e convulsioni) per il suo notevole contenuto di anetolo. Le bevande alcoliche preparate con questa essenza possono provocare avvelenamenti.